Prosociality Sport Club

LA COMUNITA’ EDUCANTE

In PS CLUB questo termine si riferisce alla struttura di connessioni sociali che hanno un ruolo nell’educazione degli studenti e che hanno inoltre una straordinaria potenzialità nel motivare gli adolescenti immigrati o emarginati.

Lo spazio sociale riferito a questa comunità è caratterizzato dal fatto che tutti i suoi attori condividono gli stessi obiettivi educativi. I “conflitti educativi” vengono quindi superati o gestiti. Nella Comunità il ruolo degli educatori è spesso di tipo informale.

È un sistema sociale basato sulla tradizione dei rapporti sviluppati in maniera spontanea entro le comunità locali. Normalmente, i genitori erano responsabili dell’educazione dei propri figli, ma era anche comune avere una specie di custodia spontanea delegata ad altri membri della Comunità nel caso in cui i genitori non avessero la possibilità di provvedervi. I genitori e gli altri membri della Comunità erano così in grado di mantenere lo stesso stile educativo ed i conflitti erano rari.

In termini moderni, la Comunità Educante si basa su un accordo promosso dalle scuole e firmato da altri gruppi sociali; nel caso del progetto PS CLUB, i membri principali sono le associazioni sportive, ma tale accordo è aperto anche a tutte le organizzazioni sociali coinvolte nel processo educativo degli studenti. I contenuti della CE sono volti ad evitare o gestire i conflitti educativi; ad aumentare la motivazione negli studenti a rischio di emarginazione; a migliorare le relazioni tra la scuola e altri gruppi sociali formali ed informali che in ogni modo influiscono nell’educazione degli adolescenti.

L’approccio concettuale si trova nella necessità di avere lo stesso stile comunicativo ed educativo sia nella scuola che al di fuori di essa. I messaggi devono essere chiari ed esposti in tutte le maniere possibili. La partecipazione alla CE è un impegno formale, deve essere messo in evidenza utilizzando ogni opportunità possibile.

PS CLUB - Prosociality Sport Club
Prosociality for Integration and Multiculturalism | Project n. 518393-LLP-1-2011-1-IT-COMENIUS-CMP | Agreement n. 2011- 3565 / 001- 001
This project has been funded with support from the European Commission. This publication reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein.